Costituzione del Condominio e Parti Comuni

Il problema della costituzione del Condominio è in realtà - scusate il bisticcio di parole - un falso problema. Molti immaginano che esistano delle formalità da rispettare per "costituire il condominio", senza rendersi conto che - cosi' come osservato più volte dalla giurisprudenza - il condominio sorge con il frazionamento della proprietà dell'edificio, nel momento in cui il costruttore inizia a vendere gli appartamenti. L'eventuale delibera assembleare di costituzione del condominio ha un effetto dichiarativo di una situazione di fatto che già esiste e che non puo' nè deve essere accettata o rifiutata

Parte della confusione attorno a questo argomento è generata dalla presenza o meno dell'amministratore (vedi nel manuale l'apposito capitolo), ma che rispetto lo stato giuridico di costituzione del condominio è assolutamente ininfluente.
Una volta chiarito che il condominio esiste, bisogna vedere da quali parti è costituito. Queste sono descritte dall'art. 117 del Codice Civile,

CookiesAccept

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento senza aver prima modificato le impostazione del browser acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies clicca sul link sottostante. Per saperne di piu'

Approvo
Sei qui: Home Manuale del Condominio Costituzione del Condominio e Parti Comuni